Al cinema

stampa

Iqbal è un bambino pakistano, molto bravo a tessere i nodi per i tappeti. Un giorno, per comprare le medicine a suo fratello malato, si reca al mercato per vendere giocattoli e perline colorate.
Lì incontra un imbroglione che gli propone di creare un tappeto in cambio di un prestito. Iqbal accetta, ma finisce con l’essere venduto ad un criminale e scopre ben presto che il prestito non si estingue mai.

Regia di Stéphane Brizé. Interpreti principali: Vincent Lindon (Thierry Taugourdeau), Yves Ory (consulente dell'ufficio di collocamento), Karine de Mirbech (moglie di Thierry), Matthieu Schaller (figlio di Thierry).

Regia di Robert Zemeckis.
Philippe ha sempre avuto la passione per le acrobazie e quando diventa grande questa passione si esprime in imprese sempre più ardite. Nonostante le liti in famiglia che vede la grande pericolosità di quello che fa, Philippe trova sostegno nella sua ragazza Anne. Finché decide di compiere la più grande impresa che sia stata realizzata da un funambolo: camminare su una corda sospesa, senza nessuna protezione, tra le Torri Gemelle di New York.

Mavis, la figlia del Conte Drac (proprietario dell’Hotel Transilvania), sposa l’umano Jonathan ed insieme hanno un bel bambino dai riccioli rossi, Dennis.
A questo punto, Drac, già disperato per l’andirivieni di creature umane nel suo albergo, spera solo che il suo adorato nipotino abbia ereditato i geni del nonno.

“Black Mass” è il film interpretato da Johnny Depp nei panni di un cattivissimo criminale, realmente esistito.

Maggio 1996: partite dal campo base, due diverse spedizioni si trovano ad affrontare la scalata della montagna più alta del mondo. Gli scalatori, ognuno con la propria storia e aspirazioni alle spalle si troveranno ad affrontare una sfida impossibile, al limite dell’ossessione.

Siamo in Francia nel 1921: la baronessa Marguerite Dumont è sposata con un aristocratico che passa il suo tempo tra le macchine e altre donne.
Trascurata dal marito, Marguerite riversa tutte le sue energie nella sua passione: la musica e il bel canto.
In realtà Marguerite non ha alcun talento, ma nessuno, per convenienza, per prendersi gioco di lei o per ipocrisia osa dirglielo.