La parola
stampa

II lettura di domenica 22 maggio - VI domenica di Pasqua

Il rinnovamento - Anno C

Dal libro dell'Apocalisse di san Giovanni apostolo
Ap 21,10-14.22-23

L’angelo mi trasportò in spirito su di un monte grande e alto, e mi mostrò la città santa, Gerusalemme, che scende dal cielo, da Dio, risplendente della gloria di Dio. Il suo splendore è simile a quello di una gemma preziosissima, come pietra di diaspro cristallino.
È cinta da grandi e alte mura con dodici porte: sopra queste porte stanno dodici angeli e nomi scritti, i nomi delle dodici tribù dei figli d’Israele. A oriente tre porte, a settentrione tre porte, a mezzogiorno tre porte e a occidente tre porte.
Le mura della città poggiano su dodici basamenti, sopra i quali sono i dodici nomi dei dodici apostoli dell’Agnello.
In essa non vidi alcun tempio:
il Signore Dio, l’Onnipotente, e l’Agnello
sono il suo tempio.
La città non ha bisogno della luce del sole,
né della luce della luna:
la gloria di Dio la illumina
e la sua lampada è l’Agnello.

Giovanni fruisce della visione della “Gerusalemme celeste”, ossia della Chiesa, la quale nell'eternità, partecipa della visione beatifica di Dio.
Con espressioni fantasiose, prese anche, in parte, dagli antichi profeti, Isaia e Ezechiele, la Chiesa celeste è presentata in tutto il suo ineffabile splendore. I vari elementi simbolici – le mura, le porte, i nomi della tribù d’Israele, gli angeli, i basamenti – indicano che nella Gerusalemme celeste sopravvive, rinnovato, l'antico Israele. Così alle dodici tribù sono stati sostituiti, quale fondamento, i nuovi dodici patriarchi del nuovo Israele: gli Apostoli, gli inviati dell'Agnello, di Cristo. Così il tempio materiale non ha più ragion d'essere, perché tutto è soprannaturale, immateriale; perché il tempio è Dio stesso.
Tutto è illuminato da una nuova luce, una luce divina, costituita dalla presenza di Dio – “la gloria di Dio” – e dell'Agnello, attraverso il quale passa la luce di Dio: ossia la sua vita soprannaturale partecipata ai redenti.

Fonte: Il Cittadino
II lettura di domenica 22 maggio - VI domenica di Pasqua
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento