Al cinema
stampa

Venezia, magia cinema

Saranno ben tre film italiani a contendersi il Leone d'oro al Festival di Venezia di quest'anno. L'ultima edizione targata Marco Muller, dunque, vede partecipare al concorso principale una nutrita schiera di film nostrani, si spera con buone possibilità di successo.

Venezia, magia cinema

Saranno ben tre film italiani a contendersi il Leone d'oro al Festival di Venezia di quest'anno. L'ultima edizione targata Marco Muller, dunque, vede partecipare al concorso principale una nutrita schiera di film nostrani, si spera con buone possibilità di successo.
I film italiani ospitati da questa Mostra del cinema, che si concluderà il 10 settembre, sono la nuova pellicola di Cristina Comencini "Quando la notte" con Claudia Pandolfi e Filippo Timi, tratta dall'omonimo romanzo della scrittrice-regista; "Terraferma" di Emanuele Crialese con Donatella Finocchiaro e Beppe Fiorello, in cui il giovane regista torna a raccontare le sue storie sospese e rarefatte, e "L'ultimo terrestre", esordio del fumettista toscano Gianni Pacinotti che racconta una storia di fantascienza molto particolare, con ampi riferimenti all'attualità, però.
Scorrendo l'elenco di titoli che verranno proiettati nel corso della kermesse veneziana si scopre subito che questa edizione numero 68 mira molto in alto.
Oltre al già annunciato "Le Idi di marzo", thriller politico diretto e interpretato da George Clooney che aprirà la Mostra, garanzia di impegno e glamour, ci sono, tra gli altri, "Carnage" di Roman Polanski, con Jodie Foster, Kate Winslet, Cristoph Waltz; "A dangerous method" di David Cronenberg, con Viggo Mortensen nel ruolo di Freud, in cui il regista canadese, da sempre attratto da storie con risvolti psicoanalitici, affronta di petto il padre della moderna psicanalisi, appunto; "La talpa" dello svedese Tomas Alfredson, tratto dall'omonimo cult di John Le Carrè, con Colin Firth e Gary Oldman; il ritorno di William Friedkin con "Killer Joe" con Matthew McConaughey e Abel Ferrara con "4: 44 last day on earth" con Willem Dafoe.
Dunque, un'edizione che punta su autori affermati di cui si aspettano con ansia le nuove pellicole, con un nutrito numero di star d'oltreoceano pronte a sbarcare sul lido veneziano.
La giuria sarà presieduta dal regista Darren Arnofsky, autore de Il cigno nero, famoso per l'attenzione verso un cinema di qualità e sperimentale, e tra i membri figurano anche i nostri Mario Martone e Alba Rohrwacher. Sarà, inoltre, presentata al Festival anche "Mildred Pierce" prodotta da HBO. La miniserie televisiva statunitense in cinque parti si basa sull'omonimo romanzo di James M. Cain, già adattato per il cinema nel 1945 con il titolo ‘Il romanzo di Mildred’, che valse l'Oscar a Joan Crawford. In questa versione televisiva il ruolo da protagonista è affidato all'attrice Kate Winslet, affiancata da Evan Rachel Wood, Guy Pearce e Melissa Leo, segno che finalmente anche i Festival di cinema si sono accorti che molte delle serie televisive prodotte, naturalmente in America, in questi ultimi anni non hanno niente da invidiare al cinema, anzi. Nella speranza che durante i dieci giorni di Festival tutti i film presentati, anche nelle sezioni collaterali, possano dare un mosaico il più possibile vero e articolato della nostra contemporaneità, con il bello e il brutto che la caratterizzano.

Allegato: busalla.JPG (2,34 MB)

Forse ti può interessare anche:

Venezia, magia cinema
  • Attualmente 0 su 5 Stelle.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Votazione: 0/5 (0 somma dei voti)

Grazie per il tuo voto!

Hai già votato per questa pagina, puoi votarla solo una volta!

Il tuo voto è cambiato, grazie mille!

Log in o crea un account per votare questa pagina.

Non sei abilitato all'invio del commento.

Effettua il Login per poter inviare un commento