in Televisione

stampa

Da fine marzo torna Carosello. Già, proprio il “mitico” programma della Rai, pensionato nel 1977, che ha segnato un’epoca e ancora oggi viene ricordato da ex bambini e genitori magari diventati nonni.

Il punto di forza è la possibilità di seguire in diretta le partite di Serie A e di fare da traino alla messa in onda dei gol a partire dalle 18, ovvero pochi minuti dopo la fine degli incontri. Ma “Cielo che gol” (Cielo Tv, domenica ore 14) nelle prime due puntate ha ottenuto ascolti ben al di sotto delle attese. Nonostante alla conduzione sia stata chiamata la (ex?) “gallina dalle uova d’oro” della tv italiana, Simona Ventura.

Non sono bastate le interviste alla sempre più chiacchierata consigliera regionale Nicole Minetti e al presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni nelle prime due puntate a lanciare "Domenica Live" (Canale 5, domenica ore 14) nel firmamento dei pomeriggi televisivi del dì di festa. Il programma affidato ad Alessio Vinci è stato regolarmente battuto dal diretto concorrente su Rai1 (e nella prima puntata anche da "Quelli che il calcio" su Rai2) nella battaglia degli ascolti.

Ha destato comprensibile clamore e sincero sdegno il video di un ragazzino di 10 anni prelevato a forza dalla sua scuola con un blitz della Polizia in esecuzione di un provvedimento di affido. Le immagini mostrate da “Chi l’ha visto?” (Rai3) sono subito rimbalzate su tutti i telegiornali del giorno dopo e le testate online le hanno tenute a lungo in buona vista in prima pagina.

Come cambiano i costumi e il senso comune: fino a qualche lustro fa, chi era accusato di malaffare o di comportamenti contro il bene comune aveva il pudore di togliersi dalla pubblica vista e di farsi da parte, in attesa dell’eventuale processo. Oggi, al contrario, la spettacolarizzazione della società di massa produce l’effetto opposto: l’esposizione mediatica è direttamente proporzionale alla gravità delle accuse.

È stato, tanto per cambiare, l'indimenticato Mike Bongiorno a lanciare nel 1989 nella tv italiana "La ruota della fortuna", versione tricolore del format statunitense "Wheel of fortune", tuttora in onda sulla Nbc. In questa estate di repliche all'insegna del dejà vu, il quiz è tornato nella fascia preserale di Canale 5, con la proposta delle vecchie puntate condotte da Enrico Papi.