La parola

stampa

Il commento alla seconda lettura della Liturgia della Parola

Gesù è entrato nella città santa, sta avviandosi al termine della sua vita terrena, sta completando l'opera, raggiungendo il fine della sua venuta e del suo operato in mezzo a noi, come uomo. Accolto da una inaffidabile folla come Re Messia, nella famosa scena con parecchi particolari che facevano ricordare il Re Davide, Egli affronta però ben presto ciò che lo attende. L'incontro-scontro con chi detiene il potere cultuale e politico è dietro l'angolo.

Siamo alla fine della sezione del Vangelo di Marco che precede la salita di Gesù a Gerusalemme. Con l'inizio del capitolo undicesimo, infatti, assisteremo all'entrata trionfale del Messia Gesù nella città santa, accolto trionfalmente. Gesù per tre volte ha predetto la sua sorte in quella città, e la reazione dei suoi è stata di scandalo (Pietro) o richiesta di onorificenze speciali (i figli di Zebedeo). Ecco perché, appena oltrepassata la città di Gerico, appena Gesù si avvia verso la salita alla città santa, l'evangelista Marco racconta di un incontro particolare.

Marco ci presenta un tale, anonimo, che corre incontro a Gesù che passa lungo la via. Si tratta di una situazione ideale, generica, che si adatta bene ad ogni attualizzazione e concretizzazione. Gesù passa sempre, e in quel tale si potrebbero identificare tanti cristiani, fedeli per una vita intera, credenti che si accorgono che la vita che stanno conducendo non basta. Persone che come il tale di questo capitolo dieci dell'evangelista Marco sono oneste, e hanno osservato i comandamenti fin dall'infanzia.

La domanda a Gesù dei membri della setta dei 'Separati' (Farisei) è apparentemente una questione tipica interna dei maestri rabbini di Israele, che ammettevano comunemente il divorzio ma discutevano animatamente sulle cause e le motivazioni, che per alcuni dovevano essere molto gravi (esplicita infedeltà coniugale accertata) mentre per altri si potevano ricondurre ad una qualsiasi perdita o calo di amore (in ebraico: non trovare più grazia agli occhi di qualcuno).

La settimana scorsa Gesù parlava di accogliere un bambino (ossia i piccoli della comunità) 'nel suo nome', ossia con la sua persona, con il suo atteggiamento e la sua forza. E' questa parola che fa da aggancio per l'intervento apparentemente fuori luogo di Giovanni, che per la prima volta nel Vangelo di Marco si rende portavoce degli altri apostoli. Lo zelante (che in lingua originale è identico a 'geloso') figlio di Zebedeo ricorda a Gesù un episodio, vissuto probabilmente quando Gesù li aveva mandati a due a due in missione, a cacciare gli spiriti del male.

Leggiamo una pagina centrale del Vangelo di Marco, un insegnamento che ruota attorno ad alcuni perni: la figura di Elia il profeta che deve tornare, il riconoscimento del Messia-Cristo e Figlio del Padre da parte dell'apostolo e per rivelazione della voce del Padre, il ruolo di Pietro, e al centro di questa sezione le esigenze della sequela-discepolato nei confronti di Gesù, Figlio dell'Uomo. Si tratta dunque di una densa pagina che ci dona molti indizi per aprirci alla rivelazione del mistero di Gesù, uomo e Dio.

C ontrariamente a quanto si pensi, il motivo di questo viaggio di Gesù al di fuori dei confini storici della Terra Promessa, dell'Israele dell'Alleanza, non era dovuto al desiderio di predicare lì la Buona Novella. E di fatto Gesù non predica, non è ancora venuto il momento dei pagani. Semplicemente la sua presenza porta luce e guarigione, come era stato nel brano precedente per la donna greca, siro-fenicia, abitante nei territori di Tiro e Sidone.

La pagina di Vangelo di questa domenica, festa della Trasfigurazione, si apre con un'annotazione di tempo: 'sei giorni dopo'. Dopo che cosa? Credo sia importante andare a vedere, in quanto ogni dettaglio è significativo nel racconto evangelico. Gesù sei giorni prima aveva detto: Se qualcuno vuol venire dietro di me, rinneghi se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Chi, infatti, vorrà salvare la sua vita, la perderà; chi, invece, perderà la sua vita per causa mia e del vangelo, la salverà.